RAVE ANNULLATO ALLA CARTIERA DI CAIRATE… con i soldi nostri però

Noi ultimi mohicani come abbiamo già scritto nei vari opuscoli distribuiti alla popolazione siamo contro le droghe e soprattutto lo spaccio delle droghe(quelle pesanti in primis) perchè finanziano le mafie di tutto il mondo. I rave non ci piacciono e non ci sono mai piaciuti però in fondo non fanno del male a nessuno,avvengono in posti abbandonati e lontani(come la cartiera di cairate),la gente balla e si diverte a modo suo. Ognuno è libero di vivere i suoi spazi e il proprio divertimento se non da fastidio a nessuno ed inoltre ci sembra un enorme spreco di soldi e di forza pubblica il far presidiare una zona abbandonata da 50 carabinieri per 2 interi giorni. Contenti loro.

Erano pronti ad invadere con la musica e il ballo sfrenato la cartiera Mayer di Cairate ma sono stati fermati dai Carabinieri di Fagnano Olona e di Busto Arsizio che li aspettavano tutto intorno al perimetro di uno dei luoghi preferiti dai ravers europei. Quello che è successo durante la Pasqua del 2007 non si è potuto ripetere quest’anno (nella foto un immagine delrave del 2007), il rave non è nemmeno inziato grazie ai controlli effettuati dalla sera di ieri da Carabinieri di Fagnano Olona, Polizia locale e Polizia di Stato. Oltre cinquanta uomini hanno cinturato la cartiera non permettendo ai primi camion con i sound system, arrivati nella notte, di entrare e posizionare casse e piatti. Grazie alla particolare attività informativa svolta dai carabinieri della stazione di Fagnano Olona è stato possibile prevedere l’arrivo di centinaia di giovani da tutta la Lombardia, dal Piemonte e dall’Austria in questo luogo per una tre giorni di musica, ballo e “sballo”.

Una volta accertata la notizia del loro arrivo è stato predisposto un servizio di controllo del perimetro della cartiera avviando una intensa collaborazione con le Polizie Locali di Cairate e Fagnano Olona e la Polizia di Busto Arsizio. I primi arrivi si sono verificati nella notte, gli “avanguardisti” del movimento, dotati di tutti i sistemi per trasmettere musica, sono stati fermati e identificati mentre i primi ravers, un centinaio in tutta la notte, sono stati invitati a tornare indietro. Tra forze dell’ordine e ravers nessuna tensione, i ragazzi hanno accettato la “sconfitta” e hanno dirottato su un altro appuntamento con la musica techno nella zona di Brescia, dove è in atto un rave. I servizi di controllo della zona, fanno sapere i Carabinieri, si protrarranno per tutto il periodo pasquale.

Nella giornata di ieri, inoltre, i Carabinieri di Busto Arsizio hanno effettuato l’arresto di due clandestini irregolari sul territorio nazionale di origine pakistana. I due arrestati non avevano ottemperato al decreto di espulsione emesso dalla Questura di Varese e giravano per il centrocittadino senza fissa dimora e senza un lavoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...