VALSUSA:ANCHE LA TERRA HA I SUOI ANTICORPI

“Viviamo in un pianeta sempre più provato da un uso devastante di una tecnologia piegata alla logica del profitto di pochi e non certo al progresso o alla scienza.

Progredire non è sinonimo di devastare, non centra nulla con la sadica arte di spaccare montagne, costruire ponti sugli stretti o peggio inondare l’atmosfera con gas di ogni genere, avvolgendo il nostro pianeta in una nuvola di CO2, trasformandolo in una gigantesca e sempre più bollente serra.

Progredire è fare un passo avanti per vivere meglio tutti e tutte, per preservare l’ambiente in cui viviamo noi e molte altre specie, animali e vegetali compresi.

Il progresso di cui parlano oggi le “bipartisan” bande di affaristi, non è in grado di promettere nemmeno un miglioramento delle condizioni di vita degli umani (come è accaduto nel secolo scorso), dato che non offre alcun futuro, ma solo la certezza di una vita sempre più precaria, in cui i denari continuano a venir trasferito nelle tasche di pochi (in Italia il 10% delle famiglie detiene il 47% della ricchezza prodotta), a colpi di manovre finanziarie ed infinite richieste di sacrifici.

Questa storia del sacrificio in nome di interessi generali è una delle più antiche mistificazioni.

La mistificazione non risiede semplicemente nel fatto che si sacrificano solo i più deboli (moderni agnelli sacrificali), ma che in realtà, non vi è alcun interesse generale da tutelare, ma solo alcuni sporchi interessi particolari.

Ciò che è accaduto ieri in Val Susa rende evidente la differenza tra mistificanti interessi generali e reali interessi comuni.

Gli interessi spacciati per generali sono quelli delle cordate economiche (e delle imprese di riferimento) che si giocano gli appalti per la realizzazioni di opere tanto grandi quanto inutili e dannose, quelli delle imprese amiche del PdL e del PD (gli uni si accaparrano i lavori sul versante italiano, gli atri su quello francese).

La TAV in Valsusa ed il Ponte sullo Stretto costano quanto la finanziaria “lacrimogeni e sangue” al varo del Governo; una stupida rotonda stradale costa da sola da 300.000 e 1.000.000 di Euro, ma quando si parla di contenere il debito pubblico si tagliano i servizi pubblici, li si trasforma in merce sempre più costosa e li si affida ai privati.

Nessuno, però, ha il coraggio di dire che sono proprio le privatizzazioni e le presunte “grandi opere” che hanno fatto lievitare oltre ogni limite la spesa pubblica.

Eppure la tornata referendaria appena conclusasi ha dimostrato che la maggior parte delle persone ha capito molto bene cosa succede ai beni comuni quando li si affida ai privati o a gestioni privatistiche.

Dopo quei referendum si disse il vento è cambiato, già ma non per i politicanti, visto che, nel quotidiano, il cosiddetto centro sinistra, tra una scalata a qualche banca, una gitarella in barca, una riunione con questo o quel faccendiere, sembra odiare Berlusconi esclusivamente per ragioni di concorrenza e invidia (una contrapposizione tra opzioni ed interessi molto, molto, simili).

Fortunatamente ieri in Val di Susa, è emerso un germoglio di una possibile idea e pratica del comune, inconciliabile con i distruttori, capaci solo di sacrificare la terra, la natura, la sopravvivenza di ogni specie agli sporchi affari di pochi.

Ieri in Val di Susa c’erano migliaia di anticorpi o meglio anti-porci, che si sono eroicamente battuti contro quella brutta infezione che rischia di far ammalare la valle a colpi di trivelle e militari, le prime distruggono le montagne, i secondi la libertà di chi vi abita!

L’infezione non è ancora debellata, ma come per ogni malattia, affrontandola si è già sulla buona strada per guarire!

Meno Infezioni + anticorpi”

da INDYMEDIA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...